Le tariffe di Elisabetta

Quando ho cominciato a lavorare da freelance ho avuto una fortuna sola: incappare in Elisabetta Sandri. Se non fosse stato per lei probabilmente sarei ancora qui a chiedermi perché mai nessuna agenzia italiana, all’epoca, rispondeva alle mie mail di presentazione. Traduttrice specializzata nel settore giuridico, avvocato con un’esperienza decennale alle spalle… inserivo le informazioni essenziali e inviavo le mail in modo mirato ad agenzie che lavoravano molto in ambito legale … e non mi contattava nessuno… Fino a che Elisabetta (titolare della Mauscript, una delle agenzie cui avevo scritto) decise di dedicare 5 minuti del suo tempo a quella folle traduttrice che pensava di poter lavorare con le agenzie italiane a 30,00 euro/cartella!!!

Il nostro scambio di mail è stato stato talmente assurdo che siamo diventate amiche prima ancora che colleghe e, ovviamente, abbiamo lavorato pochissimo insieme nel settore delle traduzioni!! In quei famosi 5 minuti ho capito immediatamente che:

1° avrei dovuto subito cambiare target

2° non sarebbe stato semplicissimo lavorare da freelance

Questo post è dedicato a lei, che oggi non c’è più, ma che porto sempre nel cuore anche se mi sembra di ricordarla troppo poco per quanto invece è stata importante per me.

Il 23 ottobre  a Pisa verrà premiata, in occasione del  Book Festival, la miglior libreria indipendente 2011. E’ il Premio Montescudaio, dedicato dal 2008 alla memoria di Elisabetta. Una piccola occasione per pensare a lei in un contesto che le era caro.

Annunci