Marco Cevoli e i social media – un post di A. Spila

Pubblico volentieri questo post di Andrea Spila che, in vista del laboratorio che terrà con noi il 5 maggio prossimo a Pisa, ha fatto un’intervista a Marco Cevoli, partner dell’agenzia di traduzione Qabiria. Hanno parlato di Twitter e dell’uso dei social media per il marketing dei servizi di traduzione. La parte che ha attirato la mia attenzione è stata quella in cui  Cevoli afferma di non investire né denaro, né tante energie, ma ritiene che per ottenere risultati concreti – ossia clienti – “è necessario essere costanti, produrre contenuti appetibili, investire tempo (o denaro, facendolo fare a qualcuno). Soprattutto è essenziale stabilire degli obiettivi chiari.”

Concordo sul fatto che un buon uso dei social media non richieda necessariamente un investimento in denaro (a meno che non si deleghi questa attività ad altri). E, da profana quale sono, mi sento di avvallare anche la seconda affermazione. Quando a monte c’è una buona organizzazione, le energie da dedicare a questa attività non sono moltissime, se rapportate al ritorno che se ne ricava.

Vi ho messo il link al suo sito perché anche solo passarci un quarto d’ora è, a mio avviso, una lezione sull’importanza (e sull’efficacia) del saper comunicare contenuti in rete.

Buona lettura, Sabrina

Annunci